90MINUTO
Benvenuto nel Forum. Ogni giorno 1.000 persone come te leggono e partecipano alla discussione.

Se vuoi dire la tua (e scoprire il contenuto delle sezioni) non attendere... registrati gratis.


Forum sport passione
 
IndicePortaleCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Quando la coppia scotta

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Momento caldo
Admin
avatar

Messaggi : 237
Data d'iscrizione : 20.04.10
Età : 32
Località : Altamura

MessaggioTitolo: Quando la coppia scotta   Mer Apr 21, 2010 10:34 pm

button come prost —
Precedenza a quello in testa ai due Mondiali, la McLaren, in cui per un
Hamilton che regala ondate di spettacolo a ogni gara, ma che insegue,
c’è un Button che, lento e inesorabile come la marea, sta prendendo il
largo. Il campione del Mondo in carica usa più il cervello del piede,
non commette errori e sa sfoderare una dote preziosa: la lucidità nelle
situazioni impreviste. In entrambe le sue vittorie ha avuto fiuto: a
Melbourne è stato il primo a montare le gomme da asciutto, approfittando
poi del guasto di Vettel; in Cina è stato fra i pochi, con Rosberg,
Kubica, Petrov, a rimanere in pista con le slick sul fondo umido,
creando le premesse per il bis e la leadership mondiale. In più, la sua
condotta pulita e redditizia è perfetta per un Mondiale riscritto a
favore di chi è più gentile con gli pneumatici e sa, grazie
all’allargamento dei punteggi, mettere fieno in cascina con regolarità.


Massa precede Alonso in gara, ma al traguardo sarà 9°. Afp


hamilton come senna —
E Hamilton se ne sta accorgendo. Pur avendo più stoffa, Lewis deve
rincorrere: non ha ancora vinto una gara, è stato battuto dal compagno 3
volte su 4 in qualifica, ma in ogni GP regala spettacolo e sorpassi
senza risparmiarsi. Ricorda Senna per velocità, senso del limite e
l’iimprontitudine nelle manovre. In Australia ha sorpassato Massa in
rettilineo toccandogli la ruota posteriore destra con l’alettone; in
Malesia è avanzato a zig-zag per resistere a Petrov; in Cina ne ha fatte
di tutti i colori: al 3° giro ha tagliato sulla sabbia per entrare ai
box; al 6° ha duellato con Vettel, sempre ai box, prima sorpassandolo in
entrata, poi resistendogli in uscita, quasi a ruote appaiate, a pochi
centimetri dai meccanici impegnati nei pit stop. Infine, nella
ripartenza dopo la seconda safety car, ha dato una spallata a Webber,
costringendolo a un fuori pista. Il tutto senza sanzioni, ma solo con
un’ammonizione: un po’ poco. Lewis ci mette tanto di suo, ma lo show che
produce non gli regala punti aggiuntivi: in realtà, forse nemmeno lui
si aspettava di avere in casa un avversario così ostico.

Massa e Alonso a spasso per i box. Afp


i galli in ferrari —
In Ferrari la situazione è simile: Massa ha una condotta più lineare –
finora sempre a punti -, Alonso più arrembante, costretto anche dalla
necessità di rimediare agli errori in partenza, Melbourne e Shanghai, o
in qualifica, Malesia. In Bahrain lo spagnolo ci ha messo poco, la prima
curva, per far capire a Felipe, con una staccata pulita ma decisa, chi è
il caposquadra; concetto ribadito in Cina, spingendo Massa quasi nella
sabbia al tornantino di ingresso ai box, secondo l’Hamilton-style. Lo
spagnolo ha minimizzato “avessimo avuto due vetture diverse non se ne
sarebbe nemmeno parlato”; il brasiliano, dopo le prime parole di
facciata, ha poi puntualizzato: “Gli parlerò della manovra, la gente che
lavora insieme lo fa. Quando mi sono accorto che era lui, ho capito che
rischiavamo un incidente e non era il caso, ma la posizione persa lì,
me ne è costata tante altre”. La chiacchierata porterà un chiarimento?
Forse no, anche se pure il presidente Montezemolo ha detto che "tra di
loro non ci sono litigi". La verità è che Alonso - che in gara ha un
passo superiore a Massa e già in Australia gli si è accodato, ubbidendo
alla logica di stato del team e perdendo forse punti pesanti -, si è
preso i gradi di prima guida e intende utilizzarli a fondo per arrivare
al Mondiale. Anche perché è il più accreditato a farlo. A Maranello lo
sanno, anche se continuano a parlare di “due punte”, ma non hanno
bisogno di fomentare una rivalità interna: sono energie che andrebbero
meglio indirizzate alla soluzione di problemi più urgenti, come la
fragilità dei propulsori e il costante impaccio ogni volta che dalla
corsa, come al Monopoli, viene estratta la carta degli “Imprevisti”, con
conseguenti decisioni da prendere.


i cappotti —
Problemi, quelli della rivalità interna, che non riguardano Mercedes e
Renault, unici team in cui c’è una pilota, Rosberg su Schumacher in un
caso, Kubica su Petrov nell’altro, in vantaggio sul compagno addirittura
per 8-0 nel doppio confronto diretto qualifiche-gara. E il figlio di
Keke può addirittura vantare il quintuplo dei punti di Kaiser Schumi, 50
a 10. Chi l’avrebbe detto? Proprio lui che ai compagni di squadra ha
sempre lasciato solo le briciole.


gazzetta.it
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
Quando la coppia scotta
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Quando ussciranno le nuove Head e Wilson???
» consiglio acquisto coppia racchette
» Quando c'é l'arbitro?
» quando cambiare le corde
» Dimmi quando, quando, quando...

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
90MINUTO :: Formula Uno-
Andare verso: